Francesco Vacca
Cagliari 1865 - 1953


Uno dei pochi, se non l'unico, suonatore di Cagliari. Nel vicino centro di Pirri abitava il maestro Efisio Marceddu (uno degli allievi del grande Giuseppe Figus), presso il quale Vacca si recava per prendere lezioni sin da giovanissimo. Divenuto presto un discreto esecutore, alternava la sua attività principale di macellaio con quella di suonatore. Presente, assieme a Beniamino Palmas, a moltissime edizioni della Sagra di Sant'Efisio a Cagliari, suonava quasi tutti gli anni, anche nella chiesetta di Santa Lucia, ora distrutta, sempre a Cagliari, nel quartiere Marina, accompagnando assieme all'organista la messa cantata in latino.
Questa bella foto comparve nell'opera di Giulio Fara "Su uno strumento musicale sardo" del 1913 .


He was one of the fewest players from Cagliari. When he was very young he used to go to Pirri to the players Efisio Marceddu and his son Emanuele in order to take lessons. He was a fairly good performer and he alternated this activity with the one of butcher. He took part with Beniamino Palmas to a great many Patronal feasts of S. Efisio in Cagliari and to the rite in the now destroyed little church of S. Lucia (Marina quarter) where he accompanied the Latin sung Mass with the organist. This beautiful photo appeared in Giulio Fara's work "Su uno stumento musicale sardo" (about a Sardinian musical instrument) in 1913.