Modalità di iscrizione all'ufficio di collocamento.

L'iscrizione nelle liste di collocamento è regolata dall'art. 8 della legge n° 264 del 29/2/1949 che testualmente recita: "chiunque aspiri ad essere avviato al lavoro alle dipendenze altrui, deve iscriversi nelle liste di collocamento presso gli Uffici del lavoro nella circoscrizione nella quale ha la propria residenza"

L'indagine sugli iscritti al collocamento viene effettuata mensilmente da ogni sezione Circoscrizionale per l'impiego e fornisce variabili di stock e variabili di flusso sui disoccupati distinti per sesso, classe di collocamento, settore di attività e grado di qualificazione .

I dati che confluiscono in questa rilevazione riguardano tutte le persone che si iscrivono al collocamento.

Ci si può iscrivere alle sezioni competenti territorialmente se si sono compiuti 15 anni di età o 14 se si è in possesso della licenza di scuola media inferiore.
E' possibile, senza cambiare residenza, iscriversi in altri territori, previa la cancellazione della precedente iscrizione.

I lavoratori iscritti al collocamento, in base all'art. 10 della legge 56/87, sono divisi in tre classi.

Appartengono alla prima classe:

i lavoratori disoccupati in cerca di prima occupazione; i lavoratori disoccupati ma avviati a tempo parziale con orario non superiore a 20 ore settimanali e i lavoratori con un contratto a tempo determinato che non superi i quattro mesi all'anno; i lavoratori da lungo tempo in cassa integrazione o iscritti nelle liste di collocamento da lungo periodo (comma aggiunto dell'art. 8 della legge n° 407/90).

Appartengono alla seconda classe:

i lavoratori occupati che aspirano a diversa occupazione (esclusi quelli della prima classe).

Appartengono alla terza classe :

i titolari di trattamenti pensionistici di vecchiaia o di anzianità.

Le classi costituiscono precedenza nell'avviamento al lavoro.


Tra gli iscritti (variabili di flusso) vengono considerati i dati dei lavoratori che, nel mese di riferimento, si sono iscritti nelle liste di collocamento come disponibili a lavorare e che vengono acquisiti nella 1a classe.

Tra gli iscritti (variabili di stock) vengono riportati i dati dei lavoratori che, al termine mese in esame, risultano iscritti nella classe e sono disponibili a lavorare, compresi coloro che sono occupati a tempo parziale o a tempo determinato.

Gli iscritti sono distinti in disoccupati in cerca di prima occupazione per settore di attività economica (agricoltura, industria, altre attività e non classificabili in alcun settore); nell'ambito di ciascun settore in operai - qualificati e non qualificati - impiegati - di concetto e non-.

Vi sono poi aggregate tre fasce di età :- inferiore ai 25 anni - tra i 25 e i 29 - e superiore ai 30 anni.

Con l'entrata in vigore della legge n° 30/90 si è iniziata la rilevazione dei lavoratori extracomunitari iscritti nelle liste.

Documentazione richiesta per l'iscrizione.

All'atto dell'iscrizione viene rilasciato il mod. C/1 o cartellino rosa su cui è riportata il punteggio assegnato e che va timbrato periodicamente, secondo le indicazioni di ciascuna circoscrizione, pena la perdita dell'anzianità di iscrizione maturata.
Gli elementi per l'attribuzione del punteggio sono i seguenti:

Assunzioni nel pubblico impiego.

Le amministrazioni dello Stato, gli enti pubblici non economici, le Provincie, i Comuni e le ASL in base all'art. 16 della legge 56/87, quando devono procedere all'assunzione relativa alle qualifiche o profili professionali per cui sia previsto il possesso della licenza della scuola dell'obbligo, devono attingere alle graduatorie stilate dalla Sezione circoscrizionale.
Chi, quindi, ha intenzione di iscriversi a tali graduatorie per l'avviamento a selezione presso le pubbliche amministrazioni, deve indicarlo sul modulo al momento della iscrizione al collocamento.

Il libretto di lavoro.

Il libretto di lavoro viene rilasciato dall'ufficio anagrafe del proprio comune di residenza.
Per ottenerlo bisogna munirsi dei seguenti documenti:

Il libretto di lavoro è uno strumento essenziale sia per potersi iscrivere al collocamento sia per poter essere assunti.
Esso va conservato accuratamente e consegnato al datore di lavoro al momento della assunzione.
Al termine di ciascun rapporto, il datore di lavoro Deve restituire il libretto completo delle seguenti annotazioni;

Questi dati sono importanti per costruire e aggiornare il proprio curriculum.
E' necessario, quindi, che tutto sia riportato in modo esatto e corretto.

Il libretto può essere rilasciato anche ai minori che hanno compiuto il 14° anno di età purché in possesso del diploma di licenza media.

 L'iscrizione nelle apposite liste è richiesta sia per un'eventuale assunzione sia per l'ammissione alla frequenza di un corso di formazione professionale svolto dalla Regione e dal Fondo Sociale Europeo.
La mancata revisione comporta la cancellazione dalle liste. Sarà giustificato il disoccupato che a seguito di malattia non potrà confermare lo stato di disoccupazione, ma dovrà produrre idoneo certificato medico.



| Min.Lav.Sardegna | Info lavoratori | Info aziende |
|
Bacheca | News | Osservatorio | Altri siti | Home |