torna alla home

salumi e insaccati

vai alla pagina Buona Tavola torna alla pagina precedente



Non si può dimenticare l'esistenza di numerosi salumi sardi. Il maiale infatti, oltre che per l'arrosto viene utilizzato per la produzione di ottimi salumi.
Ricordiamo la limitata produzione di capocollo, prodotto salato e stagionato da consumarsi crudo, fatto dai muscoli della regione cervicale del maiale; la pancetta dove l'adipe del ventre del maiale viene conservato con una procedura assimilabile a quella seguita per il prosciutto; il prosciutto crudo specialità ottenuta dal pezzo intero della coscia o della spalla; ed infine la salsiccia sarda, un tempo una produzione esclusivamente domestica che ormai viene prodotta in tutti i laboratori di carne e venduta fresca, stagionata o affumicata. Per confezionarla si utilizza la polpa del maiale tagliuzzata in pezzi più o meno grossi insieme a una certa quantità di lardo, sale, pepe, semi d'anice o finocchio, chiodi di garofano e prezzemolo.
Ricercatissimo dai buongustai il prosciutto di cinghiale.